Loading...
Aggiornato al: 21 Agosto 2019 10:00
News
Il mercato pubblicitario chiude aprile in calo

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di aprile leggermente in negativo, -0,5%, rispetto allo stesso periodo del 2018, portando la raccolta nel quadrimestre in parità.

Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – aprile si attesta a -3,9%.

Nei primi quattro mesi dell’anno, il mercato rimane fermo intorno allo zero, in linea con quanto avveniva ad aprile 2017, quando infine l’anno si chiuse in crescita del +1,5%” - spiega Alberto Dal Sasso, AIS managing director di Nielsen. “Il confronto con il 2017 è significativo per spiegare il trend attuale e prevedere l’andamento dei prossimi mesi: seppur caratterizzato da un clima di incertezza e dall’assenza di eventi di particolare richiamo mediatico, il mercato degli investimenti pubblicitari nel 2017 chiuse comunque con una crescita, seppur modesta”.

Relativamente ai singoli mezzi, la tv cala nel singolo mese del -4,7% e chiude il quadrimestre a -3,2%. Sempre in negativo i quotidiani, che perdono il -6,9%, consolidando il periodo cumulato gennaio-aprile a -10,8%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per il quadrimestre, con flessioni rispettivamente del -16,2% e -14,2%. Segno meno anche per la radio, che cala del -2,5% ad aprile e chiude il quadrimestre quasi in parità (-0,4%).

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel primo quadrimestre dell’anno chiude in positivo a +8,5% (+1,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet). Cinema e GoTv sono in crescita rispettivamente del 27,4% e 4,2%. In negativo l’outdoor (-6,2%) e il transit (-1,2%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 10 in crescita, con un apporto di circa 50 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti. Alla buona performance di tempo libero (+12,3%), farmaceutici (+5%) e finanza (+15,5%), si contrappongono i cali di cura persona (-9,6%), automobili (-11,0%) e telecomunicazioni (-16,8%). Tra gli altri settori che contribuiscono alla crescita si segnala il buon risultato in termini di investimenti pubblicitari di servizi professionali (+15,8%), giochi e articoli scolastici (+10,6%) e informatica / fotografia (+97,6%).


12 Giugno 2019
Articoli Correlati