di Federica Bartoli

Conad annuncia l’impegno in un progetto di riforestazione insieme a Cpr System, azienda specializzata nel servizio di pooling di imballaggi riutilizzabili.

Il progetto, realizzato in collaborazione con Rete Clima, è svolto in un’area certificata secondo standard forestale Pefc nel Comune di Bedonia, in provincia di Parma, sotto la gestione del Consorzio Forestale Monte Croce di Ferro.

L’intervento va ad aumentare la capacità di stoccaggio della Co2, oltre a favorire l’erogazione di una serie di altri benefici ambientali (letteralmente definiti come “servizi ecosistemici”). Nello specifico, viene adottata la pratica dell’allungamento del turno nei cedui di faggio e nelle fustaie di conifere, evitando tagli di utilizzazione, provvedendo inoltre al diradamento nelle fustaie di conifere per ridurre la probabilità di incendi.

Nell’arco del progetto si stima una riduzione delle emissioni di Co2 in atmosfera pari a oltre 4mila tonnellate.

«Il settore in cui operiamo ha il dovere e la responsabilità di rivedere le proprie logiche produttive e distributive per contribuire al contrasto dei cambiamenti climatici. Per questo, riteniamo la logistica un asset strategico fondamentale per costruire valore, impegnandoci in un percorso verso la riduzione del nostro impatto ambientale che passa da diversi aspetti: dall’ottimizzazione di carichi e tratte a investimenti per una flotta di automezzi sempre più evoluti o che utilizzano carburanti alternativi, fino al sostegno di progetti di gestione forestale sostenibile - ha commentato Andrea Mantelli, direttore supply chain di Conad. - Ringraziamo i nostri partner per aver condiviso con noi la responsabilità di questo importante progetto di riforestazione, come gesto concreto di un impegno verso la sostenibilità molto più ampio, a tutela dell’ambiente e delle sue risorse».

«La responsabilità ambientale e sociale sono da sempre parte fondamentale dei valori della nostra cooperativa; ogni progetto ed ogni obiettivo che ci fissiamo lavorando insieme ai soci del nostro sistema non può prescindere da una valutazione dell’impatto ambientale e sempre più, nel futuro, ogni scelta si baserà su questo principio come linea guida - ha commentato Monica Artosi, direttrice generale di Cpr System. - E’ con immenso piacere che Cpr ha partecipato a questo progetto di riforestazione, per lasciare un segno concreto in un percorso di sostenibilità che generi benefici reali per il territorio».

Conad e Cpr System collaborano già da molti anni per la salvaguardia dell’ambiente nelle operazioni logistiche. Dal 2004 le due aziende lavorano insieme per l’utilizzo di cassette in plastica per il trasporto di prodotti ortofrutta, carni e ittico: ecologiche, riutilizzabili e riciclabili in ogni loro parte. Ma la collaborazione abbraccia anche aspetti di innovazione di prodotto. Ne è un esempio la sperimentazione dell’utilizzo di pallet made in Italy in materiale completamente riciclato, grazie a una materia prima seconda - granuli plastici compositi - derivanti dal recupero dei contenitori per bevande tipo Tetra Pak, residuo della lavorazione per il recupero della componente cellulosica.

Rete Clima - Impresa Sociale è l’ente tecnico che supporta le aziende in percorsi Esg di governance sostenibile, di decarbonizzazione, di forestazione nazionale, di valutazione, pianificazione e rendicontazione agli stakeholder delle performance di sostenibilità aziendali. Dal 2022 collabora insieme a Conad nel progetto “Forestiamo insieme l’Italia”, ormai giunto alla sua terza edizione, nell’ambito della più ampia Campagna nazionale Foresta Italia.

Questo progetto di gestione forestale sostenibile rientra nella strategia di sostenibilità del Sistema Conad, “Sosteniamo il Futuro”, basata su tre dimensioni: ambiente e risorse, persone e comunità, imprese e territorio.