di Emanuele Scarci

Le 6 filiere della Parma food valley scendono in piazza a rappresentare il territorio dell’eccellenza dell’agroalimentare che vanta un valore di 8,2 miliardi di euro, di cui 2,7 derivanti solo dall’export.
L’evento, presentato questa mattina a Milano, è quello della quinta edizione della Cena dei mille di Parma, prevista per martedì 10 settembre nel centro della città ducale, organizzata da Fondazione Parma Unesco creative city of gastronomy, in collaborazione con il Comune di Parma e la regia di Parma Alimentare.
Gli ospiti di quest’anno sono lo chef bistellato Davide Oldani (si occuperà del primo piatto) e il maestro pasticciere Iginio Massari.
Il format è quello ormai consolidato: la tavolata di circa 400 metri si snoderà tra Piazza Garibaldi e Strada della Repubblica, con mille ospiti che potranno degustare le eccellenze del territorio.

Dalla pasta al culatello

Durante la Cena dei mille saranno presenti le eccellenze del territorio attraverso le creative rivisitazioni degli chef che realizzeranno un menù ad hoc per l’occasione. Come da consuetudine si partirà con l’aperitivo, curato dagli chef di Parma Quality Restaurants, dove i grandi protagonisti saranno i prodotti delle 6 filiere della Food valley ducale: Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano, latte (Parmalat), pasta (Barilla), pomodoro (Mutti e Rodolfi Mansueto) e alici (Delicius, Rizzoli Emanuelli e Zarotti).
A questi, in una quindicina di isole gastronomiche previste, si affiancheranno anche le Igp come Coppa di Parma e Salame Felino, oltre a un’altra Dop del territorio ducale come il Culatello di Zibello, attraverso i rispettivi consorzi di tutela.
Per Massimo Spigaroli, presidente Fondazione Parma Unesco, “la Cena dei mille è l’esempio perfetto di come la Food valley di Parma abbia saputo fare squadra, grazie alle eccellenze delle 6 filiere e al supporto dei partner istituzionali. La Cena, arrivata alla quinta edizione, rappresenta un grande volano anche per il marketing territoriale: con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, e i prodotti unici della nostra Food Valley, proseguiremo in questo percorso che continua a dare risultati eccellenti”.