In occasione dell’annuale seminario sul salmone norvegese organizzato dal Norwegian Seafood Council – tenutosi a Milano City Life – sono stati illustrati i trend di mercato in Italia, gli scenari futuri del settore e le nuove abitudini dei consumatori italiani.

Dai dati presentati è emerso che l’Italia rappresenta il terzo mercato mondiale per il salmone norvegese, dietro solo a Germania e Stati Uniti; inoltre è stato evidenziato quanto l'export norvegese verso l'Italia abbia registrato una crescita straordinaria: si tratta del quasi + 190% in termini di volume dal 2008 al 2023. Oggi si riscontra però come lo scenario politico ed economico internazionale stia influenzando i consumi degli italiani: l'aumento dei prezzi è una delle principali preoccupazioni e la situazione finanziaria dei cittadini influisce molto sui prodotti da acquistare e le esperienze fuori casa.

Per quanto riguarda il mercato del salmone, è emerso che il cliente italiano rimane un consumatore fedele con una frequenza media di acquisto pari a 7,2 volte nell’arco dell’ultimo anno e con una penetrazione sul totale delle famiglie italiane pari al 69,1%.

Il salmone rimane così tra gli alimenti preferiti dagli italiani e, in particolare, è stata evidenziata una preferenza per il salmone affumicato (56,6% della penetrazione del mercato del salmone), seguito dal salmone fresco (27,1%) e da quello congelato (16,2%).

È emerso, inoltre, come i consumatori italiani siano sempre più guidati nelle loro scelte da criteri come sostenibilità e benessere soprattutto a tavola e, nonostante il periodo inflazionistico che si sta attraversando, sono ancora disposti a pagare prezzi premium se la promessa di benessere viene mantenuta. L'origine dei prodotti, la qualità e gli ingredienti sono molto importanti e proprio in quest’ottica, il salmone Norvegese viene riconosciuto dai consumatori italiani, come pesce sano e ricco di proprietà nutritive: rappresenta un ingrediente ideale per un’alimentazione corretta ed equilibrata a tutte le età, in quanto fonte di Omega 3 e ricco di proteine nobili, sali minerali e vitamine A, D, B12.

Anche nelle abitudini del fuori casa, qualità e benessere a tavola risultano sempre i driver di scelta più rilevanti per gli italiani su dove mangiare e quali alimenti prediligere. In questo contesto, il consumo di salmone ha registrato una performance positiva: nel primo trimestre del 2024 rappresenta oltre 1/3 delle porzioni di prodotti ittici servite e la cucina giapponese si conferma tra le preferite da parte degli italiani, con il sushi al 69%. Inoltre, il consumo di salmone è in aumento durante i giorni infrasettimanali e la pausa pranzo.