VINO

Coop Svizzera inaugura a Pratteln l'imponente fabbrica delle private label

Joos Sutter, presidente della direzione generale: “In 3 anni abbiamo investito 380 milioni di franchi, pari a 327 milioni di euro. Nel magazzino verticale, con 40.796 posti pallet, vengono gestiti e inviati ai negozi oltre 8.000 articoli diversi".


Gruppo Cavit: cresce il fatturato in Italia e all'estero

Il bilancio di esercizio 2016/2017 del gruppo trentino sottolinea una crescita del 7 per cento sul mercato interno e un forte dinamismo oltre confine, dove realizza l'80 per cento dei ricavi, Cina compresa.


Semestrale col botto per Italian Wine Brands

Il gruppo, cui fanno capo Giordano Vini (vendita a distanza) e Provinco Italia (produzione e distribuzione enologica per la Gdo sui mercati internazionali), ha beneficiato di un mercato più dinamico a partire dal secondo trimestre per quanto riguarda le vendite al consumatore finale. A tirare la volata è comunque la di...


Cambio al vertice di Caviro: esce Dagnino entra SimonPietro Felice

Dagnino, che ha portato in Caviro tutto il suo know how manageriale, si lancia in nuove avventure professionali. Al suo posto entra Felice, un top manager nato e cresciuto nel mondo enologico.


Migliora il profilo di rischio del food

Crif Ratings ha condotto uno studio che dimostra che il food&beverage ha basi finanziarie sempre più solide, specie per le imprese orientate all'export.


Zonin1821 vola in Italia e all'estero

Ottimi risultati di bilancio per uno dei protagonisti del recentissimo Vinitaly, dove fra l’altro si è distinto per l’introduzione delle bollicine in due territori tradizionalmente legati ai vini rossi fermi.


Vino: a qualcuno piace bio

Se l'enologia biologica rappresenta ancora soltanto lo 0,7% degli acquisti dei consumatori italiani, i tassi di crescita sono a tre cifre, sia da noi, sia in tutto il continente. Il vantaggio delle produzioni nazionali è di essere riconusciute, anche dagli stranieri, come sinonimo di eccellenza. Le aziende devono però ...


Il rendimento del vino secondo Mediobanca

È decisamente positivo il quadro che emerge dall’ultima “Indagine sul settore vinicolo”, condotta da MBR&S. L’analisi annuale, rilasciata il 7 aprile, evidenzia un'invidiabile salute dal punto di vista finanziario.


Vinitaly: la parola alla Gdo

Vinitaly sottolinea nella sua 51esima edizione le tendenze del settore: la grande distribuzione organizzata è sempre più importante, il biologico si diffonde e gli italiani preferiscono gli spumanti e le denominazioni anche nei discount.


Il vino fa notizia sugli scaffali

Le anticipazioni della ricerca annuale di Iri per Vinitaly confermano il primato della Gdo. I best performer sono gli spumanti e i prodotti biologici. I più venduti restano Lambrusco, Chianti e Montepulciano d'Abruzzo, mentre il Gutturnio si impone con forza crescente. Il formato per eccellenza è la bottiglia da 75 cen...


Vino: aumenta del 35 per cento la richiesta di certificazione vegana

Veganok, il più accreditato ente di riconoscimento dei prodotti vegan, ha redatto un nuovo rapporto che, oltre a contenere statistiche molto interessanti, spiega perché anche i prodotti dell'enologica devono essere garantiti per arrivare ai consumatori vegani. I punti critici sono nei processi di lavorazione e nei coll...


Terre d'Oltrepò e Cavit acquistano La Versa

La Versa, entrata in curatela fallimentare, è stata rilevata, tramite la newco Valle della Versa, con un’offerta di 4,2 milioni di euro. Commenta il presidente di Cavit, Bruno Lutterotti: “Questa operazione di rilancio è l’esempio di come ‘fare sistema’ nel mondo cooperativo e di come creare valore per i soci viticolt...


Cantina La Versa finisce all'asta per 5,6 milioni di euro

Quando una multinazionale estera si mangia uno dei nostri marchi piangiamo sul made in Italy che se ne va. Ma a volte ci meritiamo il nostro destino e la vicenda di Cantina Sociale La Versa, 111 anni di vita e un brand prestigiosissimo nei vini dell'Oltrepò, ne è una dimostrazione. Già zavorrata da 23 milioni di debiti...


Vendemmia: buone le previsioni, ma i consumi restano in calo

Molto vino nuovo, ma meno del 2015: lo dicono le prime stime di Assoenologi (5 settembre), constatando che si produrranno meno di 49 milioni di ettolitri di vino e mosto (49,4 nel 2015), a fronte però di una media quinquennale (2011/2015) di 44,6 milioni e di una decennale (2006/2015) di 45,4 milioni. I consumi interni...