Il primo quotidiano sulla GDO

Aggiornato al 26 Settembre 2020 - ore 16:00

VINO

I signori del vino secondo il Focus di Mediobanca

I tre maggiori produttori per fatturato nel 2017 sono il gruppo Cantine Riunite-GIV (594 milioni, +5,1% sul 2016), Caviro (315 e +3,9%) e Antinori (221 con +0,4%). Seguono Zonin, che ha realizzato una crescita del 4,2% portandosi a 201 milioni e Fratelli Martini a 194 milioni e con una variazione del +13,3%.


Il vino italiano alla prova dei mercati internazionali

L'apertura di Vinitaly comporta una serie di riflessioni sul settore, che rimane fondamentale nel nostro agroalimentare. Sei i consumi interni e le vendite oltre confine vanno molto bene, sullo scacchiere mondiale il made in Italy sconta alcuni ritardi e svantaggi. Ecco quali.


Contraffazione vinicola: una 'piovra' da 500 milioni di euro

Il dato, che in Italia è stimato in 83 milioni di euro all'anno, va tenuto sotto controllo e ridotto al minimo. Lo spiega una ricerca condotta da Gpl, che rivela come, ancora oggi, i produttori siano ben poco attenti nell'arginare il pericoloso fenomeno.


Italian Wine Brands conquista Svinando

Iwb, ben noto grazie alla controllata Giordano Vini, e fortemente presente nell'horeca, nell'ingrosso e nel retail, ha rilevato lo specialista delle vendite private di vino.


La sfida texana dei vini rossi italiani in una ricerca Wine Monitor

Dalla ricerca "Pasqua e il vino rosso di pregio: grandi cru e denominazioni a confronto. Il caso del Texas" commissionata da Pasqua Cantine a Wine Monitor di Nomisma emerge che i nostri prodotti, specie nei segmenti premium e ad alta gradazione, hanno acquisito, negli Usa, valori di esclusività e lusso, di solito appa...


Vino e Gdo: chi sale e chi scende sugli scaffali

La ricerca elaborata da Iri per il prossimo Vinitaly conferma il primato della Dmo che totalizza, nel 2017, 648 milioni di litri di vendite con ricavi prossimi ai 2 miliardi di euro. Scopriamo quali sono i prodotti preferiti dai nostri connazionali, che comunque si orientano verso un'offerta più qualificata.


Un anno di repressione frodi. Nel mirino vini, olio, carni e formaggio

Hanno lavorato duramente gli ispettori dell'Icqrf. Il rapporto annuale dell'ente, organo di Polizia Giudiziaria, permette di ricostruire indirettamente una sorta di mappa dei raggiri e delle contraffazioni: in testa sono vino, olio, carne e formaggio. Molto considerevole anche l'attività di lotta svolta su Internet.


Il vino a marchio privato supera il 60% di quota sullo scaffale europeo

Sul trend hanno inciso sia le insegne della Dmo classica sia, soprattutto i grandi discounter. Non si può non ricordare che, nella nostra Penisola, Lidl è in grande crescita, Aldi è in procinto di aprire e Leader Price Italia, in collaborazione con 5 soci Crai, ha messo sul tappeto un primo piano di aperture di 30 punt...


Un'ottima annata per gruppo Cevico

Tutti gli indici del big vinicolo cooperativo si dimostrano positivi, sia sul mercato interno sia all'estero. Ai vertici arriva un nuovo presidente, il quarantanovenne Marco Nannetti.


Coop Svizzera inaugura a Pratteln l'imponente fabbrica delle private label

Joos Sutter, presidente della direzione generale: “In 3 anni abbiamo investito 380 milioni di franchi, pari a 327 milioni di euro. Nel magazzino verticale, con 40.796 posti pallet, vengono gestiti e inviati ai negozi oltre 8.000 articoli diversi".


Gruppo Cavit: cresce il fatturato in Italia e all'estero

Il bilancio di esercizio 2016/2017 del gruppo trentino sottolinea una crescita del 7 per cento sul mercato interno e un forte dinamismo oltre confine, dove realizza l'80 per cento dei ricavi, Cina compresa.


Semestrale col botto per Italian Wine Brands

Il gruppo, cui fanno capo Giordano Vini (vendita a distanza) e Provinco Italia (produzione e distribuzione enologica per la Gdo sui mercati internazionali), ha beneficiato di un mercato più dinamico a partire dal secondo trimestre per quanto riguarda le vendite al consumatore finale. A tirare la volata è comunque la di...


Cambio al vertice di Caviro: esce Dagnino entra SimonPietro Felice

Dagnino, che ha portato in Caviro tutto il suo know how manageriale, si lancia in nuove avventure professionali. Al suo posto entra Felice, un top manager nato e cresciuto nel mondo enologico.


Migliora il profilo di rischio del food

Crif Ratings ha condotto uno studio che dimostra che il food&beverage ha basi finanziarie sempre più solide, specie per le imprese orientate all'export.