di Emanuele Scarci

Un anno record per il Parmigiano Reggiano, trainato soprattutto dalla distribuzione moderna che ha messo a segno una crescita dell’11,5% a volume.
Nel 2023 il giro d’affari al consumo di Parmigiano reggiano ha toccato il massimo storico di 3,05 miliardi di euro contro i 2,9 miliardi del 2022, con un aumento del 5%. Ottima la performance anche a volume: +8,4%, sostenuta da un andamento positivo dell’export (+5,7%), e, soprattutto, delle vendite in Italia (+10,9%). I dati del 2023 sono stati comunicati ieri nel corso di un evento a Milano.

La performance (in un contesto di inflazione a due cifre) del re dei formaggi è stata guidata dal calo dei prezzi conseguente all’arrivo sul mercato della maxi produzione del 2021, pari a 4,1 milioni di forme. Il prezzo medio dell’anno all’ingrosso è stato di 10,08 euro/Kg, il 5% in meno. Nel primo trimestre di quest’anno invece il prezzo si è mosso al rialzo, toccando in marzo il picco annuale di 10,53 euro/kg. In crescita anche la produzione: +3% nel primo bimestre.

Gdo motore dele vendite

Il Italia si vende il 57% dell’offerta, il resto sui mercati esteri. Per quanto riguarda i canali distributivi, la Gdo rimane il primo con il 65%, seguita dall’industria con il 17,1% e dal canale Horeca con l’8,2%. Il restante 9,9% è distribuito negli altri canali di vendita.

Considerato il calo demografico italiano, “nel prossimo futuro - ha detto Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio del Parmigiano reggiano - il Consorzio dovrà sempre più investire sulla crescita nei mercati esteri, che rappresentano il futuro della nostra Dop. Ciò impone una partnership sempre più forte tra i produttori e quei commercianti che dispongono di una rete vendite e della forza per affrontare i mercati internazionali”.

L’anno scorso il Consorzio ha investito 31,8 milioni di euro per marketing, comunicazione e sviluppo dei mercati nel 2023 con l’obiettivo strategico di passare da Doc a brand globale. Quest’anno il budget disponibile è di 10 milioni inferiore al 2023 a causa della contrazione dei contributi per gli splafonamenti delle quote produttive,